Search
Generic filters
Search in title
Search in content
Exact matches only
Filter by Custom Post Type

«…E DIVENTO SEMPRE PIÙ VECCHIO»

17,00

1 disponibili

Descrizione

  • Jung, Freud, la psicologia del profondo e l’invecchiamento

L’invecchiamento e le vicende della vita possono dare grandi sofferenze, di fronte alle quali non ci resta che l’accettazione; compito della psicologia del profondo è, però, superare la rimozione della prospettiva angosciante della vecchiaia e della morte.

Un’interessante chiave di lettura in positivo dell’invecchiamento, interpretato dal punto di vista neurologico e psicoanalitico.

«Della salute non mi posso lamentare e divento sempre più vecchio» scrive l’ottantenne Jung alla fine di una lettera a un suo corrispondente. Ed è questo il punto di partenza di Alberto Spagnoli per la sua riflessione sulla psicologia dell’invecchiamento. Fu proprio Jung, per la prima volta nella storia della psicologia del profondo, ad aprire all’invecchiamento un orizzonte positivo – diversamente dal maestro e sodale di gioventù Freud, la cui visione drammatica e amara ha contribuito ad allontanare la psicoanalisi dall’interesse per la vecchiaia.

L’invecchiamento e le vicende della vita possono dare grandi sofferenze, di fronte alle quali non ci resta che l’accettazione; compito della psicologia del profondo è, però, superare la rimozione della prospettiva angosciante della vecchiaia e della morte, interrogarsi, e prendere finalmente coscienza anche di questa fase dell’esistenza, sempre più lunga, in modo da goderne e apprezzarne la potenziale pienezza.

Informazioni aggiuntive

Autore

Editore

Formato

Pag.

Anno